INFOCLUB AGOSTO 2021

Cari soci, 

durante il mese di agosto non vi sono particolari eventi da riportare, sia per la relativa chiusura estiva, sia per la ridotta attività della Scuola in un mese dove allievi e soci erano assenti in quanto in vacanza.Comunque le condizioni meteorologiche favorevoli, a parte alcuni giorni in cui si sono verificate temperature piuttosto elevate, hanno permesso di volare in condizioni ottimali e alcuni Soci Piloti hanno effettuato anche dei bei voli fuori regione.Ricordo a tutti la possibilità di trasmettere foto e informazioni relative ai propri voli che potranno essere pubblicate sui nostri canali di comunicazione.

SCUOLA DI VOLO
Martedì 03 Agosto l’Allievo Pilota Gianmarco Chinazzi ha superato positivamente la prova d’esame per il conseguimento della Licenza di Pilota Privato (PPL-A). Complimenti e congratulazioni da parte mia e di tutto lo Staff della Scuola di Volo al neo Pilota al quale ora raccomandiamo anzi “ordiniamo” di volare, volare e volare !!!, così da consolidare la sua esperienza e passione per il volo. 

Un sentito grazie al Responsabile dell’Addestramento nonché Istruttore Paolo Girlanda e all’Esaminatore ENAC, Comandante Michele Di Cori.

Mercoledì’ 15 settembre alle ore 19.00 in aula 1 vi sarà la presentazione del Corso Teorico LAPL/PPL/SPL denominato “CONDOR” con la presenza degli Istruttori. Poi sempre con orario 19.00/21.30 al lunedì e al mercoledì avranno luogo in aula 1 le lezioni in base al calendario pubblicato. L’Istruttore Alessandro Zaramella è il referente del Corso Teorico e coadiuva l’attività e l’organizzazione delle lezioni, dei rapporti con gli Istruttori, la Segreteria e gli Allievi Piloti.

INFO COVID-19
Siamo in attesa delle eventuali linee guida e disposizioni da parte dell’Aero Club d’Italia per quanto riguarda nuove regolamentazioni inerenti le attività di volo da parte dei Soci Piloti e della Scuola, e per quanto riguarda le attività a terra relativamente agli accessi all’interno del Club da parte del personale dipendente, dei Soci, dei collaboratori e visitatori.

Per il momento valgono le disposizioni fino ad oggi in vigore tra cui il nostro Protocollo anti contagio covid-19. 

ATTIVITÀ SOCIALI
Nel mese di settembre effettueremo, salvo meteo avversa una aerogita a Fano e una a Sassuolo. I Soci Piloti saranno informati tramite mail e sito web con allegate utili informazioni per l’effettuazione del volo.

E’ in preparazione un incontro di Sicurezza Volo. Il numero dei partecipanti sarà limitato e su prenotazione tramite la segreteria e in base alle adesioni si valuteranno ulteriori incontri.

Presso l’aeroporto di Pavullo del Frignano nei giorni 10 – 11 e 12 settembre avranno luogo le celebrazioni per i 110 anni dell’Aero Club d’ Italia. Chi fosse interessato a partecipare all’evento trova le informazioni su https://aeroclubpavullo.it/110-anni-aeci/

FLOTTA VELIVOLI
In questo periodo i Tecnici della nostra Officina di manutenzione stanno intervenendo su alcuni dei velivoli del Club per rispettare le previste scadenze, mentre per quanto riguarda l’ I-ALAB si sta cercando di risolvere il problema relativo al fastidioso disturbo in trasmissione durante le comunicazioni radio, e per l’ I-AQUI siamo in attesa di un ricambio per risolvere un problema presentatosi durante la messa in moto.

l’ I-ALPP ha il motore prossimo alla scadenza oraria, quindi stiamo valutando i vari preventivi con l’obiettivo di ridurre al minimo i tempi di fermo macchina.

 IL SOCIO PILOTA ALEX CI RACCONTA UNO DEI SUOI VOLI

Tre parole per descrivere questa esperienza: emozionante, indimenticabile ma soprattutto istruttiva. 

Tutte le nozioni imparate nelle lezioni teoriche vengono messe alla prova.
Si parte dalla pianificazione della rotta, alla scelta della quota in base a meteo, venti previsti e prestazioni del velivolo per poi passare a visionare gli alternati in rotta e decidere l’eventuale aeroporto alternato. Si preparano poi le cartine d’area e d’aeroporto, avendo cura di leggere tutti i notams presenti per non farsi trovare impreparati.

Successivamente ci si dedica alla gestione burocratica del volo: si contatta l’aeroporto per prenotare il posto nella piazzola, informarsi sui prezzi e sul modus operandi dello scalo (tutto visionabile anche nella mitica AIP e nel sito dell’Handling aeroportuale). 
Più si avvicina il giorno della partenza, più la preparazione da “grezza” diventa meticolosa , si rifinisce la rotta, si cercano previsioni meteo sempre più aggiornate per il nostro orario stimato di arrivo.
C’è poco da negare, ma voli del genere portano il Pilota, già con una propensione  professionale, ad attivarsi per portare il tutto ad un livello ancora più elevato. 

La mattina della partenza dopo aver fatto i controlli di rito al Cessna 182 R si parte consapevoli che questa volta sul sedile da PIC ci si deve stare per più della canonica oretta di volo che di solito ci vede protagonisti. Accensione, contatto con AFIU, rullaggio verso il punto attesa “A” che ci introduce alla preferenziale del momento, la pista 22. Prova motore come sempre, ultimo briefing prima del decollo e via, allineato, tutto motore e si parte, la pista ci lascia dolce sotto di noi mentre il peso dell’aereo caricato alla perfezione (seguendo le procedure di mass & balance) si fa sentire tutto. 
A quest’ora del giorno l’aria é meravigliosamente calma, e dopo essere passati con l’avvicinamento di Venezia APP si vira per prua sud chiedendo a quest’ultimi una salita progressiva verso FL100, come da FPL inviato i giorni precedenti. Il volo procede in assoluta tranquillità, pochi traffici in cuffia, zero turbolenze, solo un leggero vento in coda che porta il D-ERZO ad avere una GS di 145 kt, non male! Si prosegue poi attraversando Bologna, gli Appennini, al traverso di Firenze, Piombino ed ecco l’Elba. Ultimo controllo del livello del carburante prima di lasciare dietro di noi Marina di Campo e abbracciare il Tirreno. Da questo punto si passa sotto controllo di Roma FIC (che fa anche da avvicinamento per l’aeroporto di Olbia) e ci viene chiesto di richiamare quando prossimi al punto OLBEK (vicino al punto VFR Olbia Nord EON1)

Il Tirreno si presenta come una vastissima distesa blu che a quest’ora del giorno ti fa impegnare per riuscire a distinguere la sottile linea che separa l’acqua dal cielo. Solo i più attenti (non certo i miei passeggeri impegnati ad immortalare la distesa d’acqua infinita) possono scorgere la Corsica che si fa viva alla nostra destra.

Iniziano le procedure di avvicinamento e si ascolta l’ATIS (piccola nota tecnica: ad Olbia quest’ultimo è incorporato nel canale voce dell’identificativo del VOR di avvicinamento SME, quindi armarsi di pazienza, pronti a forzare il cervello nel discernere i BEEP BEEP che identificano il VOR, dalla voce robotica delle ultime meteo aeroportuali) quindi si viene diretti verso il punto VFR Olbia Nord ed in base alla pista in uso (nel mio caso la 05) si viene istruiti ad immettersi nel circuito di traffico come previsto sempre a nord della pista. 

Nota di merito per la Torre, che mi ha gentilmente evitato lunghe attese in holding, ed è quale é riuscita ad inserirmi tra due arrivi IFR, un A321 Alitalia in arrivo da Milano ed un Dassault Falcon di una compagnia privata olandese.

Tempo totale di volo 02h 15min.

La gestione a terra é professionale precisa e puntuale, un minivan ti porta dal parcheggio fino al terminal dell’aviazione generale (staccato da quello principale) posizionata di fronte all’Apron principale “zeppo”  di Jet di piccole e medie dimensioni.

Dopo aver registrato l’arrivo dell’aeromobile si é liberi di dare inizio alla vacanza!
Al contrario del viaggio di andata il ritorno é stato un po’ più movimentato (ma solo a livello meteo), staccate le ruote da terra alle 11:00 locali abbiamo incontrato turbolenza media che ci ha abbandonato solo dopo aver raggiunto i 5000 FT AMSL. Tutta colpa delle termiche estive!!

Da segnalare al ritorno una tappa non pianificata.

A causa dei venti in quota non previsti ho dovuto far tappa a Pavullo per effettuare carburante. 
Dato l’orario abbiamo approfittato per pranzare nel loro ristorante e per godere del magnifico aeroporto incastonato tra gli Appennini Emiliani. In conclusione consiglio a tutti i Soci di fare almeno una volta un’esperienza di questo tipo. Ti obbliga ad una pianificazione del volo molto più complessa ed esaustiva di quelle normalmente effettuate (senza nulla togliere ai voli fatti fino ad oggi). 
E se qualcuno non si sente all’altezza ? Mai paura ! Sicuramente in Club troverà chi tra Presidente, Istruttori, Soci esperti e Tecnici potrà dare una mano per pianificare e vivere l’esperienza di volo in sicurezza, come lo è stato per me. Ringrazio quindi il nostro Presidente Federico per le dritte, l’Istruttore Paolo per la pazienza, la Segretaria Alessia per il supporto burocratico e tutti i nostri Tecnici per avermi fornito un aeromobile pronto sicuro ed efficiente.

Pil. Alex Saccon

Sollecito i Soci che volessero raccontare le loro esperienze di volo anche non recenti, di trasmettere alla Segreteria tramite mail il loro racconto.Inoltre suggerisco a tutti i Soci di approfittare delle belle giornate che ancora ci aspettano, in particolare fino alla fine di ottobre, dove l’ora legale ci regala giornate abbastanza lunghe e condizioni meteo piuttosto stabili.

AEROPORTO DI PADOVA
Al momento non sono ancora pervenute da parte di ENAC comunicazioni inerenti l’insediamento della nuova Società di gestione dell’Aeroporto di Padova.

VARIE
Ci ha fatto visita il Signor Severino Tognoni, militare in pensione che per molti anni ha lavorato presso la Base Militare in aeroporto e gestisce un suo sito di cultura aeronautica: www.volareflyfree.com

Un cordiale saluto

Il PresidenteCom.te Federico Mastrogiacomo